Accedi al contenuto della pagina Accedi all'albero di navigazione del sito

Voci dal Pireo Racconti e canti di malavita, amore e narghilè con Evì Evàn - Spettacolo di teatro canzone

Voci dal Pireo Racconti e canti di malavita, amore e narghilè con Evì Evàn - Spettacolo di teatro canzone
Voci dal Pireo Racconti e canti di malavita, amore e narghilè con Evì Evàn - Spettacolo di teatro canzone
Venerdì 11 Ottobre 2019 ore 21.00 Auditorium Principato di Monaco

Venerdì 11 Ottobre, presso l’Auditorium Principato di Monaco di San Possidonio, avrà luogo l’ultimo appuntamento della rassegna musicale dei Comuni UCMAN in collaborazione con la Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli, Effetto Musica Mediterraneo, che ha visto esibirsi nel nostro comune l’Orchestra Spira Mirabilis, Luca Donini 5et e il collettivo SquiLibri.

Lo spettacolo di teatro canzone di Evì Evàn, Voci dal Pireo, ci condurrà tra le note del Rebetiko, il genere musicale diventato nel corso degli anni la colonna sonora identitaria dei Greci, fino al suo grande successo ancora oggi. È il linguaggio di una grecità eccentrica, esule, meticcia, splendidamente contaminata dall’humus ottomano. L’ellenismo orientale del Rebetiko, striato di francesismi, parole italiane e turche, accoglie la cultura dell’oppressore con gagliardia e la fa propria, perché la Grecia è sempre stata sul crinale fra Occidente e Oriente, apollinea e dionisiaca, europea ed anatolica e il suo genio fa della grecità un capolavoro di civilizzazione fatta di valori come la bessa (μπὲσα) e la tolleranza verso il diverso.

Il Rebetiko è una musica meticcia per eccellenza perché nasce nei porti e nelle città. Nella sua continua contaminazione è rimasta però fedele alla sostanza dei suoi temi: l’eros e le disavventure della vita, vissuti con il lamento profondo degli emarginati, una lirica del sottoproletariato che nasce al buio della notte e si esprime al chiuso delle taverne.

Voci dal Pireo é un racconto musicale che si addentra nella vita dei grandi musicisti del Rebetiko: Vamvakaris, Papaioanou, Tsitsanis; dei loro maestri profughi dell’Asia Minore come Tountas, Giovan Tsaous, Skarvelis, Peristeris; della cantante armena Rita Ampatzi e dell’ebrea Rita Eskenazy.

Interpreti: Dimitris Kotsiouros, Giorgos Strimpakos, Vaghelis Merkouris, Stefano Albarello e Davide Turolla.